Risulta difficile credere che un artista come Giulio Romano, considerato oggi tra i maggiori del primo ‘500 e l’iniziatore del manierismo, abbia goduto in passato di scarsissimo credito. Eppure ciò è stato.
Dopo Giorgio Vasari infatti, il quale ne fu grande estimatore e amico, nessuno si è più occupato fino al tardo ‘700 del più brillante allievo di Raffaello, e solo nei due secoli successivi sono arrivati rispettivamente la prima monografia a lui dedicata e i primi studi sistematici sulla sua opera.
Questo volumetto propone, riuniti assieme per la prima volta, proprio quei rari testi: l’irrinunciabile Vita di Giulio Romano pittore di Giorgio Vasari, e i tardosettecenteschi Elogio di Giulio Romano di Luigi Bastianelli e Giulio Pippi detto Giulio Romano di Francesco Milizia.
A cura di Daniele Lucchini.
Il volume, assieme al Carteggio tra Giulio Romano e Federico II Gonzaga, può essere un ottimo modo per avvicinarsi alla mostra Giulio Romano 2019 al Palazzo Ducale e al Palazzo Te di Mantova dal 6 ottobre 2029 al 6 gennaio 2020.

Un breve assaggio del testo
« dalla Prefazione.

Già dopo il sacco di Mantova del 1630 ad esempio, il Palazzo Te, suo capolavoro indiscusso e degno di stare accanto ai più fastosi edifici di Roma, fu abbandonato a se stesso e completamente dimenticato. I viaggiatori del grand tour, i quali vi arrivavano in genere più per caso che per effettiva ricerca, lo sbeffeggiavano come “mostruosità stupida e quasi comica”, testimonianza “della mancanza di gusto dei principi di Mantova”. È occorso attendere il ‘900 e uno studioso viennese naturalizzato britannico di nome Ernst Gombrich, innamorato di Giulio Romano, per udire una voce forte di sdegno contro quello stato di incuria e per iniziarne recupero e restauro.
Non migliore, dopo Vasari, è stata la fortuna critica dell’artista Giulio Romano. Si è dovuto giungere al 1772 per averne di nuovo traccia nella letteratura di genere con l’Elogio di Luigi Bastianelli, il quale peraltro non fa che riscrivere lo stesso Vasari. La prima monografia degna di questo nome è arrivata solo nel 1842, ad opera dello storico mantovano Carlo D’Arco, ma spettano ancora una volta a Gombrich i primi studi di carattere scientifico sull’opera e sulla figura del Pippi.
»

Giorgio Vasari
Luigi Bastianelli
Francesco Milizia
Vite di Giulio Romano

ISBN: 9780244792701
prima edizione 2019

Ebook [pdf] – € 4,99

Brossura – € 11,90

La brossura è acquistabile anche su Lulu.
Acquista il formato ePub nella tua libreria online preferita.

 

Ti piacerebbe scoprire i capolavori di Giulio Romano a Mantova con il curatore del volume? Contattalo direttamente.

Vite di Giulio Romano
Tag:                         
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: